Riprendiamoci il Futuro

Gianni Potti

Gli ultimi articoli

formazione

Preparare i lavoratori alla quarta rivoluzione industriale, per l’Italia la sfida più difficile

Cambiano le sfide per le imprese nel digitale: rinnovati i macchinari, ora bisogna puntare sulle persone. “Reskilling” è la parola chiave per restare competitivi e…
Industria4.0

Industria 4.0: “La Manovra non basta, ora una strategia per la rinascita del Made in Italy”

Il ripensamento del Governo in fatto di incentivi alla formazione 4.0 e iper-ammortamento è una buona cosa ma non basta. Per colmare il gap con…
tecnologie emergenti

Con Industria 4.0 si investa sulle nuove tecnologie emergenti, come intelligenza artificiale, blockchain, internet delle cose

Con Industria 4.0 si investa sulle nuove tecnologie emergenti, come intelligenza artificiale, blockchain, internet delle cose Abbiamo investito solo sull'offerta, ora stimoliamo la domanda per…

Fondazione Comunica

Coltiviamo il Futuro

DIGITALmeet

Scopri | Usa | Crea | Sogna

Talent Garden Padova

Coworking & Spazio Eventi

Confindustria Servizi Innovativi

Industria 4.0

Io sono tra quelli che vogliono provare, sognare, fare le idee, in una parola riprendersi il futuro per noi e per i nostri figli.

Gianni PottiImprenditore
gianni-potti
https://www.youtube.com/watch?v=9_r8US1s0Ws&feature=youtu.be
“Figura padovana che nell’ambito della propria carriera professionale e personale si è distinta per capacità innovativa e lungimiranza intellettuale nella professione, nel management, nella scienza, nell’economia o nel sociale, a livello nazionale o internazionale”

Premio Volpato – Menato 2017

Il mio pensiero

La crisi di questi anni non è stata solo finanziaria, ma di speranza, di voglia di fare, di voglia di competere e innovare.

Io sono tra quelli che vogliono provare, sognare, fare le idee, in una parola riprendersi il futuro per noi e per i nostri figli.

Il digitale e il web dovevano allargare la partecipazione rendere più giusta la società. Così non è sempre stato, perché ci sono troppi “frenatori” e pochi che spingono verso la competitività, la meritocrazia, il mercato trasparente. Il cambiamento che il digitale porta nel nostro mondo è fortissimo, profondo, dirompente. Il cambiamento deve essere altrettanto dirompente.

Io penso che il digitale possa fare grande il nostro futuro: al centro servono i contenuti, non basta la tecnologia; al centro serve l’uomo, nella Fabbrica4.0, come nella lettura dei big data. Nell’economia della conoscenza il valore più grande, l’investimento migliore è nei talenti, nel capitale umano.

L’unica possibilità è anticipare i frenatori, accelerare più di loro, costruire il futuro con gioia, con coraggio, con entusiasmo,
per ridare futuro e una nuova visione del futuro!

Diamo un futuro alle idee!

Padova Soft City | TEDxPadova

Internet Governance Forum Italia 2015